pandemia sindemia routine
pixabay

Questo è il quadro che emerge dal sondaggio “Fantastica routine” realizzato dalla società di ricerche Doxa per l’Agenzia Onu per i Rifugiati (Unhcr)

La Pandemia da contagio Covid-19 ha trasformato le nostre vite incidendo notevolmente sui ritmi e le modalità del nostro vivere quotidiano e cancellando molte certezze. Quanto ci manca la nostra “fantastica routine”? Sicuramente tanto, dal momento che oltre 7 italiani su 10 (75%) vorrebbero decisamente tornare alla vita di prima e più di 8 su 10 (85%) ha trovato difficile adattarsi alle limitazioni imposte dalla pandemia. Nel 2013, il 35% dei nostri connazionali (quasi 18 milioni di Italiani) dichiarava che avrebbe immediatamente cambiato vita se solo avesse potuto. Se prima della pandemia la routine era considerata in qualche modo noiosa e scontata, oggi invece viene fortemente rivalutata e desiderata. E’ quanto emerge dal sondaggio “La routine degli italiani al tempo della pandemia”, realizzato dalla società di ricerche Doxa per l’Agenzia Onu per i Rifugiati (Unhcr) che oggi lancia la campagna “Fantastica Routine”.

Potrebbe interessarti:

Tra paura e speranza

Gli italiani appaiono divisi tra incerti e ottimisti: il 49% degli intervistati si sente preoccupato per il futuro che si presenta incerto, mentre il 40% si pone tutto sommato sereno e fiducioso verso tempi migliori che di sicuro arriveranno; infine l’11% si dichiara fortunato per avere delle certezze e una stabilità. Del resto, il 25% degli italiani sostiene che in questa fase difficile ha scoperto nuovi aspetti importanti della propria personalità; il 15% è riuscito anche ad adattarsi facilmente e a sfruttare questo momento per una crescita personale.

La pandemia ha cancellato molte certezze, colpendo in particolare alcune categorie di persone: la maggior parte degli intervistati ha affermato di sentirsi più solidale soprattutto verso chi ha perso il lavoro e la stabilità economica. Gli anziani, i medici e il personale sanitario, i bambini che non hanno frequentato la scuola, i rifugiati e le persone più vulnerabili sono al centro delle preoccupazioni della maggioranza degli intervistati.

Cosa manca di più?

I ritrovi in famiglia e con gli amici sono in vetta alla classifica delle consuetudini della routine che mancano di più, a pari merito con i viaggi, seguiti subito dopo dagli abbracci. Negli ultimi mesi di restrizioni, navigare su internet è stata invece l’attività preferita dagli italiani, seguita dai film e dalle serie TV. Oltre la metà degli intervistati (53%) afferma che, dopo questa esperienza, apprezzerà di più le certezze e le piccole cose della vita, senza dare più nulla per scontato; il 21% dichiara anche che cercherà di ridurre al massimo gli sprechi.

Letture Consigliate