Pordenone, il linguaggio degli occhi attraverso gli scatti di Danilo De Marco



danilo de marco

I viaggio di Danilo De Marco raccontati attraverso gli occhi dei popoli del mondo nella mostra “Defigurazione. I tuoi occhi per vedermi” in programma alla Galleria Harry Bertoia di Pordenone

Saranno le fotografie del giornalista e fotoreporter Danilo De Marco le protagoniste della mostra “Defigurazione. I tuoi occhi per vedermi” che il 3 marzo aprirà i battenti nella Galleria Harry Bertoia di Pordenone e rimarrà disponibile al pubblico fino al 27 maggio 2018.

150 esclusivi scatti realizzati in 30 anni di appassionanti viaggi per il mondo, fra popoli, terre e culture diverse. Occhi nuovi, molteplici occhi accomunati dal forte senso di umanità che unisce le persone di tutto il mondo.

La mostra fotografica, curata da Arturo Carlo Quintavalle, si richiama al saggio sulla scrittura di Antonin Artaud, Samuel Beckett e Henri Michaux dal titolo “La défiguration” e al concetto di “defigurazione” che indica, appunto, ciò che va oltre la semplice figura.

Nel percorso espositivo ci saranno tracce di storici, poeti, intellettuali e scrittori come Federico Tavan, Jacques Le Goff, Claudio Magris e Carlo Ginzburg che Danilo De Marco, nel corso della sua lunga carriera, ha fotografato o anche solo incontrato con l’obiettivo di rintracciare il filo conduttore che collega l’opera al suo autore.

Saranno pertanto gli sguardi a guidare i visitatori alla scoperta delle esperienze di vita, delle idee e delle speranze dei protagonisti di scatti rubati da un artista che ha fatto della fotografia espressione di personalità, umanità e talento.

Leggi anche