Rete fissa: sotto al 40% le linee in rame, cresce la banda larga mobile

TecnologiaRete fissa: sotto al 40% le linee in rame, cresce la banda...

Gli accessi totali alla rete fissa sono scesi di circa 130mila unità rispetto al trimestre precedente e di 390 mila unità rispetto a settembre 2019

AGCOM, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha diffuso i dati dell’Osservatorio delle Comunicazioni i quali evidenziano come, a fine settembre 2020, gli accessi totali alla rete fissa siano scesi di circa 130mila unità rispetto al trimestre precedente e di 390 mila unità rispetto a settembre 2019.

Significativi sono anche i cambiamenti emersi nella composizione delle tecnologie utilizzate per la fornitura del servizio: a settembre 2016 gli accessi alla rete fissa erano in rame per oltre l’85% mentre nel 2020 sono scesi del 40% con una diminuzione di 9,6 milioni di linee.

Sono invece aumentati gli accessi tramite tecnologie di qualità superiore, in particolare la Tecnologia FTTC con +7,06 milioni di unità, FTTH con +1,16 milioni e FWA con + 610mila.

Ciò si riflette in un aumento della velocità delle connessioni commercializzate: infatti, le linee con prestazioni superiori ai 30Mbit/s sono passate da meno del 12,7% del 2016 al 64,4% del totale delle linee broadband e ultrabroadband del 2020.

Tim risulta il maggiore operatore con il 42,1%, poi viene Vodafone con il 16,7%, Fastweb con il 15,1% e Wind Tre con il 14,0%.

La fibra ottica ha molteplici vantaggi rispetto alla linea ADSL in rame: è molto più rapida, affidabile, costante, sicura, garantisce alte prestazioni e un prezzo accessibile. Con pochi euro in più al mese, le offerte fibra consentono di ottenere una connessione di gran lunga più performante rispetto alla tradizionale ADSL.

Per verificare quali sono gli operatori italiani che propongono offerte per la connessione internet veloce è sufficiente collegarsi a uno dei siti di comparazione come ComparaSemplice e confrontare le soluzioni per la propria necessità.

Per quanto riguarda la rete mobile, le SIM complessive appaiono in flessione su base annua di circa 220mila unità (erano 104,1 milioni a settembre 2020).

Le SIM M2M sono invece cresciute di 2,8 milioni mentre le SIM “solo voce” e “voce+dati” sono diminuite di tre milioni di unità.

Market leader in questo caso è Vodafone al 29,1%, seguita da Tim al 29,0% e Wind Tre al 26,1% mentre Iliad rappresenta il 6,6% del mercato.

Se invece si escludono le SIM M2M e si prendono in considerazione soltanto le SIM “human”, Iliad raggiunge l’8,8% mentre Wind Tre rimane il principale operatore (nonostante una quota in calo di 2,5 punti percentuali su base annua) con il 28,2%.

In seconda posizione Tim con il 26,5%.

La crescita della banda larga mobile prosegue e ritmo sostenuto: infatti, nei primi 9 mesi del 2020 più del 70% delle linee human ha effettuato traffico dati, con un consumo unitario mensile di dati che può essere stimato in circa 9,2 GB/mese, in crescita rispetto a settembre 2019. Analizzando i dati di internet, si evince come 42 milioni di utenti medi giornalieri abbiano navigato in rete nel mese di settembre 2020 per un totale di 59 ore mensili a persona.

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
116,342
Totale di casi attivi
Updated on 17 September 2021 - 04:55 04:55