La Legge Salvamare sulle bottiglie in Pet arriverà in Parlamento



Plastica Pet

Il testo della Legge Salvamare è stato approvato ieri dall’VIII Commissione Ambiente alla Camera: ecco cosa cambia in materia di Pet

Dopo la trasformazione in ordine del giorno dell’emendamento che puntava a eliminare la norma che obbligava i produttori di bottiglie in plastica riciclata ad usare almeno la metà di Pet vergine, resasi necessaria affinchè l’emendamento non venisse dichiarato inammissibile, il testo della legge Salvamare è stato approvato ieri dall’VIII Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati ed è pronto per il passaggio in aula.

Grande soddisfazione è stata espressa dalle due relatrici Paola Deiana (Movimento 5 Stelle) e Rossella Muroni (Liberi e Uguali):

L’approvazione del provvedimento rappresenta una svolta storica che guarda al futuro“, ha commentato la deputata algherese Deiana, “Abbiamo lavorato in piena sinergia con la maggioranza e oggi sono felice di comunicare questo risultato, che rappresenta un importantissimo passo avanti per la tutela dei nostri mari, laghi e fiumi martoriati da tonnellate di rifiuti.” Questo, però, secondo la pentastellata deve andare di pari passo con la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla necessità di non abbandonare i rifiuti in mare e sulla loro corretta gestione.

La legge in pillole

Oltre alle nuove disposizioni in materia di Pet, la “Legge Salvamare” si pone come obiettivo la promozione del recupero dei rifiuti in mare e dell’economia circolare.

Altra importante novità riguarda i pescatori che potranno portare a terra i rifiuti accidentalmente finiti nelle reti e lasciarli nelle isole ecologiche che saranno approntate nei porti. Il costo della gestione di questi rifiuti non graverà sugli operatori ittici ma saranno pagati attraverso la normale tassa sui rifiuti.

Leggi anche