Serie B, 2-2 al cardiopalmo tra Foggia e Venezia. Rissa tra i presidenti



caso bari, playoff di serie b

La 19esima giornata di Serie B si apre con l’anticipo tra Foggia e Venezia che si conclude con un rocambolesco 2-2. Pugni e schiaffi tra Tacopina e Sannella

La 19esima giornata di Serie B si apre con il match allo Stadio Pino Zaccheria tra Foggia e Venezia, due compagini che non attraversano un buon momento ma che si trovano in zone diverse della classifica, con gli uomini Stroppa che lottano per non scendere di categoria e con la formazione di Filippo Inzaghi in piena zona playoff. Entrambe le squadre si schierano in campo con un 3-5-2.

La partita si sblocca dopo appena 5 minuti con il vantaggio dei lagunari: dopo una bella azione del Venezia, Falzerano serve Zigoni che nell’area piccola supera di testa l’estremo difensore dei padroni di casa.  Il Foggia cerca di reagire ma gli ospiti si chiudono molto bene in difesa neutralizzando al meglio i tentativi avversari.

Zigoni ancora a segno ma il Foggia rimonta

Nella ripresa, il Venezia raddoppia: al 54′ Pinato pesca Zigoni in area, il quale salta un difensore e di destro batte per la seconda volta il portiere firmando la doppietta personale. I padroni di casa spingono sull’acceleratore in cerca del gol ma la retroguardia della squadra guidata dall’ex allenatore del Milan, Filippo Inzaghi, è ben organizzata.

Il Foggia si scopre e Zigoni all’83’, sugli sviluppi dell’ennesima ripartenza ospite, sfiora la tripletta con un tiro all’altezza del dischetto. Tre minuti più tardi i padroni di casa rischiano nuovamente di subire la terza rete con Falzerano che, su cross di Moreo, conclude di sinistro colpendo il palo.

All’88’ gli uomini di mister Stroppa accorciano le distanze con Beretta che, pescato da Chiricò, stoppa il pallone e conclude di destro, in modo preciso e potente, battendo un incolpevole Audero. Al 95′ esplode il Pino Zaccheria con la rete del clamoroso pareggio: Francesco Deli riceve il pallone in area, lo controlla e trafigge il portiere in uscita.

La partita si conclude sul 2-2 con il rocambolesco pareggio del Foggia all’ultimo respiro che porta quest’ultimi a 19 punti. Il Venezia perde un’ottima occasione ma rimane nelle zone alte della classifica di Serie B.

Rissa tra Tacopina e Sannella

Il finale non ha riservato solo il grande orgoglio del Foggia. Dopo il 2-2, c’è stata una rissa clamorosa tra i due presidenti dei club, Tacopina e Sannella. I due sarebbero venuti alle mani dopo il gol di Deli e in tribuna d’onore sono volati pugni e spintoni. I motivi dell’accaduto sarebbero dovuti all’esultanza (ritenuta troppo ‘forte’) da parte della dirigenza pugliese. L’americano Tacopina non ha accettato la cosa e ha reagito, costringendo le forze dell’ordine ad intervenire. I due, dopo essere arrivati alle mani, sono stati portati all’esterno dello stadio dagli uomini in divisa. Scene da film.

 

Leggi anche