Tav e Tap: l’ennesima divisione del Governo

Politica Tav e Tap: l'ennesima divisione del Governo

Continua il dibattito tra Lega e Movimento 5 Stelle per la Tav e la Tap. Di Maio parla di coesione, ma la Lega si attesta su altre posizioni

Nell’ultima settimana prima delle ferie estive, il dibattito tra Lega e Movimento 5 Stelle si inasprisce. Il motivo? Le grandi opere. Tav e Tap sono al centro di un nuovo duello di Governo. Se la Lega si dice favorevole, il Movimento 5 Stelle si divide tra attendisti (come Danilo Toninelli e Riccardo Fraccaro) e scettici (come Barbara Lezzi).

A proposito di Tav e Tap, è intervenuto il vicepremier Luigi Di Maio a stemperare un po’ la tensione: “Sono estremamente fiducioso che Lega e M5S trovino un’intesa. Io e Salvini ci capiamo al volo, la Lega è sempre stata leale e l’esecutivo è coeso. Il M5S non ha un pregiudizio sulle grandi opere, ma va ricordato che si tratta di spendere 10 miliardi per andare da Torino a Lione in un paese in cui spesso i cittadini non hanno autobus, strade e metro nelle periferie.

Ma il disaccordo di ieri è culminato in un botta e risposta tra Salvini e il ministro per il Sud. Il ministro ha risposto su Facebook a Salvini: “Caro Matteo Salvini, in Italia servono le infrastrutture ed in particolar modo ne hanno estremo bisogno il Sud e le aree interne del Centro-Nord. Strade sicure, ferrovie, scuole, ricerca, università, bonifiche, anti-dissesto idrogeologico, energia pulita. Questi sono gli investimenti che L’Italia aspetta.

Il leghista ha replicato: “Le infrastrutture servono, io voglio andare avanti. I Cinque Stelle sono gente affidabile, concreta, con voglia di fare bene le cose. Ma su qualche cosa dobbiamo metterci d’accordo.

Avatar
Antonio Jr. Orrico
Studente al terzo anno di Scienze della Comunicazione, con una passione innata per il giornalismo, per la scrittura, per la lettura e per la musica.

Covid-19

Italia
547,058
Totale di casi attivi
Updated on 18 January 2021 - 17:52 17:52