Tisana alla liquirizia: come depurarsi dopo le feste

Le feste sono finite è tempo di depurarsi: vi consigliamo una tisana alla liquirizia.

Eccoci qua, con la pancia in subbuglio e la malinconia per le feste finite. Ricominciare è difficile, ma ci vorrà poco per abituarsi nuovamente alla routine di tutti i giorni!

I pranzi infiniti sono finiti e nonostante il gioco di parole è tempo di rimettersi in forma: quello che vi consigliamo oggi è una tisana alla liquirizia, depurativa, disintossicante e  gustosa!

Pensiamo al suo ingrediente principale: LA LIQUIRIZIA

Semplicemente come radice o come ingrediente base delle più note caramelle, la liquirizia, assunta in quantità controllate, ha numerosi benefici per la salute.

E’ una pianta originaria dell’area mediterranea e mediorientale. Le sue radici sono raccolte nel periodo autunnale e invernale. Cinque sono le varietà più conosciute:

  • La “Liquirizia di Spagna” , che cresce in Italia, Grecia e Spagna. È la qualità più pregiata contenente per lo più glicirrizina , il principio attivo dell’estratto di liquirizia.
  • La “Liquirizia di Russia”, diffusa nelle zone orientali dell’Europa, nella Russia meridionale e in Asia minore.
  • E poi ancora la “Liquirizia Ungherese”, quella “Ungherese” ed infine quella “Cinese”.

La liquirizia aiuta a migliorare i disturbi dell’apparato gastrointestinale, compresi aerofagia, stitichezza, digestione lenta e ulcere gastro-duodenali.

Grazie al suo principio attivo, indicato in precedenza (la glicirrizina), è un’ottima alleata contro la pressione bassa:

allo stesso tempo però, consumata regolarmente ed in quantità elevate, non è indicata per chi soffre di ipertensione.

La liquirizia è un toccasana anche per l’apparato respiratorio. Ha il potere di calmare la tosse e favorire l’espulsione del catarro dai bronchi.

Considerate le sue diverse proprietà benefiche,  può esservi d’aiuto per ricominciare uno stile di vita sano: farlo con una tisana alla liquirizia è ancora meglio!

Preparare una tisana depurativa alla liquirizia è semplice. Armatevi di un pentolino, di un fornello e di un filtro.

Rivolgetevi alla vostra erboristeria di fiducia e acquistate la radice di liquirizia, magari abbinandola ad altre erbe e spezie di vostro gradimento. Consumatene circa un paio di tazze al giorno e il gioco è fatto.

Ecco qualche consiglio per ottenere tisane alla liquirizia dall’effetto depurativo e dal gusto piacevole e rinfrescante:

Cominciamo con l’infuso di sola liquirizia: mettete circa 60 grammi di radice di liquirizia in un pentolino d’acqua bollente e lasciatela in infusione in un litro d’acqua per un’ora circa.

Se amate il gusto forte di questo infuso, consumatelo così com’è, altrimenti aggiungete miele a piacere.