Tokyo 2020
Fonte immagine: Profilo Twitter ufficiale Tokyo2020

Dopo la aver fissato la data d’inizio il 23 Luglio, un volontario su 8 ha deciso di non partecipare alle prossime Olimpiadi di Tokyo

Non sembra avere un attimo di tranquillità questa manifestazione. Eppure, dopo la nuova data d’inaugurazione, e le rassicurazione sui vaccini per gli atleti, ci sono ancora problemi per Tokyo 2021. Questa volta, il tema di discussione sono i volontari partecipanti alle Olimpiadi. Queste persone rappresentano delle figure indispensabili all’interno della gestione dei Giochi Olimpici, poiché aiutano notevolmente gli organizzatori ad abbassare i costi ed a garantire che l’evento proceda secondo i piani stabiliti. I volontari infatti, rispetto ad un collaboratore normale, non vengono ripagati con uno stipendio, ma in genere con il rimborso dei costi di viaggio, con i viveri garantiti e qualche kit delle Olimpiadi.

Potrebbe interessarti:

Il problema è nato questa volta, perché la situazione vaccinale in Giappone è ancora molto indietro e solo il 2-3% della popolazione è vaccinata. Per questo, a fronte degli 80.000 volontari iniziali, 10.000 si sono già tirati indietro; il rischio di contagio, lo stretto contatto con delegazioni estere ed un numero ridotto di dosi per i padroni di casa hanno di fatto spinto i giapponesi a tirarsi indietro. Chissà che per l’inizio delle Olimpiadi si trovi un punto d’incontro, oltre che un ulteriore aiuto.

Letture Consigliate