covid mascherine
Immagine da Pixabay

L’albergo Astoria diventa il nuovo Covid Hotel di Milano. La struttura a partire dal 1 novembre sarà in grado di ospitare fino a 70 persone

L’albergo Astoria, sito in zona fiera a Milano, è a partire da ieri domenica 1 novembre, il nuovo Covid Hospital di Milano. La struttura potrà ospitare fino a 70 persone, l’alloggio sarà infatti destinato a tutti  coloro che necessitano di essere in quarantena.

Un albergo per alleggerire le strutture sanitarie, è questo l’intento dei Covid Hotel, supportare il deficit degli ospedali che ormai sono al collasso. L’Astoria aprirà le porte a quei pazienti che pur essendo in quarantena non necessitano di assistenza medica.

Secondo recenti dichiarazioni rilasciate dall’Ordine medici di Milano serve lockdown immediato per la città. “La situazione sia nelle strutture sanitarie ospedaliere che anche nella medicina del territorio è diventata insostenibile”. Ecco sopraggiungere quindi il ruolo dell’albergo Astoria e dei Covid Hotel in generale.

I Covid hotel di Milano

Dopo l’Hotel Michelangelo che a marzo aveva messo a disposizione camere per pazienti in isolamento, adesso è la volta dell‘Hotel Astoria. La struttura si è letteralmente trasformata  in residenza per pazienti positivi al Covid-19. Abbiamo ripreso le attività per individuare le strutture d’isolamento alberghiere destinate a quei pazienti che pur non avendo bisogno di assistenza non possono rimanere al domicilio per diversi motivi” spiega Walter Bergamaschi.

Walter Bergamaschi è direttore generale Ats di Milano Città Metropolitana e a proposito della questione Covid Hotel si è più volte dimostrato riconoscente nei confronti degli albergatori. I titolari delle strutture infatti, mettono a disposizione camere in formula del tutto gratuita. Un gesto importante che all’interno della crescente emergenza sanitaria può fare la differenza.

È prevista per la prossima settimana una nuova struttura, si tratta della Residenza Adriano. La struttura è un edificio abbandonato nel quartiere Adrianoristrutturato dal comune di Milano per l’emergenza sanitaria e trasformato in covid hotel.