amazon sindacato
Immagine da Pixabay

Migliaia di magazzinieri Amazon voteranno per decidere se formare il primo sindacato statunitense della nota azienda di e-commerce

Possibili novità in arrivo nel colosso dell’e-commerce Amazon: potrebbe nascere presto il primo sindacato statunitense dell’azienda. Il prossimo mese, e più precisamente a partire dall’8 Febbraio, circa 6.000 magazzinieri che lavorano presso una sede in Alabama inizieranno a votare circa l’opportunità di sindacalizzare il proprio posto di lavoro. Si tratterebbe del primo caso negli Stati Uniti. La votazione avverrà per posta elettronica, considerato il metodo più sicuro e appropriato date le circostanze straordinarie presentate dalla pandemia di Covid-19 secondo una decisione del National Labour Relations Board resa pubblica nella giornata di venerdì.

Potrebbe interessarti:

Questa recente decisione arriva in un momento in cui le condizioni di lavoro dei magazzini di Amazon sono oggetto di controlli approfonditi. Con la crisi pandemica che ha colpito il mondo intero, infatti, i siti di e-commerce hanno visto crescere il proprio business. Il colosso delle vendite online ha assunto in breve tempo centinaia di migliaia di lavoratori in più a livello globale per supportare un aumento della domanda, e questo ha comportato che numerosi magazzinieri abbiano iniziato ad esprimersi sui problemi di sicurezza sul lavoro. Mentre alcuni lavoratori di Amazon sono sindacalizzati in Europa, la società ha finora respinto i sindacati negli Stati Uniti. Un’elezione sindacale si è tenuta nel 2014 in un magazzino del Delaware, ma si concluse con un nulla di fatto.

Avere un sindacato in Amazon ci darebbe il diritto di contrattare collettivamente sulle nostre condizioni di lavoro, inclusi elementi come standard di sicurezza, formazione, pause, retribuzione, benefici e altre questioni importanti che renderebbero migliore il nostro posto di lavoro“, si legge in un sito web che a supporto della causa.

Letture Consigliate