Napoli
Twitter @sscnapoli

Il 2021 per il Napoli comincia nel migliore dei modi. In una partita non facile la squadra di Gattuso trova i tre punti e continua a lottare per l’Europa

Le due squadre aprono l’anno solare con una partita entusiasmante. Il Napoli ha disperato bisogno di far punti. Proprio una vittoria contro la formazione sarda può di certo fornire una boccata d’aria fresca alla squadra allenata da mister Gattuso. Il Cagliari, che vive un momento di medio-bassa classifica senza infamia né lode, scende in campo con un solo obiettivo ben chiaro in testa: vender cara la pelle.

Potrebbe interessarti:

Primo tempo

Il primo tempo alla Sardegna Arena è un monologo azzurro. Il Napoli di mister Gattuso scende in campo con una mentalità ben diversa da quella mostrata nelle scorse uscite di Serie A. La partita comincia con gli azzurri subito in proiezione offensiva. Al 1′ minuto è Zielinski a cercare la gloria con una potente botta dalla distanza abilmente parata da Alessio Cragno.

L’assedio dei partenopei si protrae fino al minuto 19 quando, dopo un contropiede fulminante, è Joao Pedro a tentare la conclusione. È suo l’ inserimento di testa su cross che arriva dalla destra. Il tiro è di poco al lato.

Il match si sblocca finalmente al minuto 24: è proprio Zielinski, l’uomo più in forma del Napoli, a tentare la conclusione e a gonfiare la rete. L’assedio del Napoli porta Di Lorenzo a condurre la sfera sul versante destro. Il suo scarico interessante è per Andrea Petagna che, aiutandosi con il fisico, fa da sponda di esterno destro proprio per il centrocampista polacco. Zielinski vede rotolare la sfera nella sua direzione, un tocco di destro e la scaraventa di sinistro da fuori area alle spalle del portiere avversario. Gol del Napoli!

Il monologo azzurro si protrae per tutto il primo tempo. L’occasione più pericolosa per il Cagliari arriva solo al minuto 36 quando, sfruttando una sbavatura in costruzione del Napoli, Simeone approfitta di un passaggio sbagliato di Manolas per Maksimovic.

Secondo tempo

Il secondo tempo comincia seguendo lo stesso copione del primo. Il Napoli è arrembante e più volte va vicino alla rete del decisivo KO.

È Zielinski l’uomo più in forma dei suoi. Dopo un abile slalom sulla trequarti di campo, il polacco viene messo giù da un difensore cagliaritano, è calcio di punizione. La palla battuta da Insigne è alta.

Il Cagliari entra in campo con un diverso appiglio rispetto al primo tempo, lo dimostra la rete segnata da Joao Pedro al 59′. L’attaccante brasiliano pareggia su una ribattuta in area a seguito di un cross teso dalla destra di Sottil tenuto male da Maksimovic. 1-1 per il Cagliari!

È ancora Zielinski a dare spettacolo. Raccoglie in area la sfera messa tesa al centro da Giovanni Di Lorenzo e, dopo un abile slalom nello stretto, scaraventa con forza la sfera alle spalle dell’incolpevole portiere del Cagliari. Gol del Napoli!


Da segnalare il cartellino rosso a Lykogiannis. Il difensore cagliaritano viene espulso a seguito di una doppia ammonizione per un brutto fallo su Lozano. Il messicano, già precedentemente colpito proprio da Lykogiannis, si avvia pericolosamente verso l’area avversaria e viene atterrato dal greco.

Il Napoli dilaga. Al 74′ è Lozano a mettere la firma sull’incontro sugli sviluppi di un corner battuto da Lorenzo Insigne. La palla, tenuta bene di fisico da Petagna, finisce sui piedi del messicano che di giustezza insacca alle spalle di Alessio Cragno. Gol del Napoli!

Il punto esclamativo sul match è messo da Lorenzo Insigne su rigore all’84′. Di Lorenzo si ritrova il pallone sui piedi sulla trequarti e ci prova con un potente tiro da fuori area. La palla viene bloccata dal giovane neo entrato Caligara con il braccio largo: è calcio di rigore. Lorenzo insigne è glaciale dal dischetto e fa 1-4.

Letture Consigliate