Svolta nel caso Denise Pipitone. Nella casa di Anna Corona, ex moglie del padre biologico, i carabinieri stanno cercando un indizio chiave

Ha dell’incredibile quanto sta accadendo in queste ore nel piccolo borgo di Mazara del Vallo. I carabinieri del comando provinciale di Trapani stanno svolgendo un indagine che potrebbe rivelarsi chiave ai fini della risoluzione del mistero riguardante la scomparsa della piccola Denise Pipitone nel lontano 2004.

Potrebbe interessarti:

Le forze dell’ordine stanno mettendo a soqquadro l’abitazione di Anna Corona, ex moglie di Pietro Pulizzi, padre biologico della piccola Denise. Gli organi giudicanti processarono ed assolsero Jessica Pulizzi, figlia della coppia, proprio in merito al presunto rapimento di Denise. I magistrati hanno riaperto nei giorni scorsi il fascicolo del caso Pipitone. Alcune fonti locali e testimoni oculari hanno parlato di una “botola” proprio nella casa di Anna Corona dove potrebbe esser stata condotta la piccola Denise. La notizia è incredibile. Una svolta del genere in un caso tanto complesso e che tiene con il fiato sospeso l’Italia intera sarebbe davvero una manna dal cielo. Finalmente la madre di Denise Pipitone, Piera Maggio, potrebbe trovare la tanto agognata pace.

I media italiani hanno di recente portato in auge il caso Pipitone in merito alla presunta identità di una ragazza russa di nome Olesya Rostova. La pista si è poi rivelata un buco nell’acqua.

Letture Consigliate