Il mattino e le azioni assurde

Prima PaginaIl mattino e le azioni assurde

Il mattino è un momento tragico, compiamo azioni assurde, siamo cechi per ben 10 minuti, ci lussiamo un piede e sbagliamo caffè. Tu cosa fai appena sveglio?

[ads1]

Un nuovo giorno inizia di primo mattino, con sole che filtra dalla finestra, il venticello che accarezza le tende e gli uccellini che cinguettano. Ci sentiamo come Biancaneve dopo i baci dei sette nani e la casetta da spazzare. Il mattino, il momento più gioioso e vitale della giornata. Non è vero?

La mattina presto è come il selfie di tua nonna con il gatto alla parrocchia, una tragedia, è la terra di nessuno fatta di svogliatezza e torpore dei sensi. Ma soprattutto, il mattino, è fatto di azioni assurde. Se vi riconoscete in questa lista, sappiate che non siete soli.buongiorno

  1. Spegnere la sveglia in uno stato di veglia. Tutti l’abbiamo fatto, non c’è sistema che regga, tutta colpa del posponi sveglia (come spiegato in questo articolo) che ci regala l’illusione di dormire solo 10 minuti in più. Il posponi dopo posponi, si trasforma in ritardo al lavoro con i cappelli arruffati e le briciole della brioche sul vestito. Se vi capita questo, siete tra i fortunati, perché i figli di Morfeo spengono la sveglia senza rendersene conto, lì poi, parleremo di primo pomeriggio.
  2. Avere la vista di una talpa. Desiderare di svegliarsi il mattino con un paio di RayBan sugli occhi, mentre si è intenti a sbattere contro porte, stipiti, tavoli: tutte cose che rendono il percorso verso la macchinetta del caffè più impegnativo di un triathlon. Immancabile poi, il mignolino del piede sbattuto contro il letto, azione diventata oramai un’abitudine. Alla fine, in questo mattino iniziato con il dito sbagliato, decideremo di sposare un ortopedico.
  3. Dimenticare di mettere il caffè nella caffettiera. La colazione è il momento più importante della giornata, non possiamo distrarci, basta un attimo, un congiuntivo di Luca Giurato in TV e penseremo di aver compiuto un miracolo, di aver purificato il caffè, rendendolo limpido e inodore. Ovviamente realizzare solo dopo dieci minuti di aver dimenticato “montagnella” nella moka. Quelli che restano ancora nella fase del miracolo, aggiustano il tutto aggiungendo il caffè direttamente nell’acqua bollente e cantano “Tu vuò fa l’americano”.sbadiglio
  4. Giocare a Candy Crush sulla tazza del bagno. Lasciarsi ipnotizzare dalle caramelle colorate mentre il nostro corpo espleta l’ultima cena. Lasciar passare il tempo e cadere in uno stato catalettico che dura da mezzo minuto a venti minuti, a seconda dell’urgenza di essere i primi del mattino a postare su Facebook il nuovo livello superato.
  5. Dimenticare il telefono tra il rotolo di carta igienica e il sapone intimo Chilly. L’orologio segna le 9:00, bisogna sbrigarsi. Ma dove cavolo è il telefono? Si ripercorrono i propri passi, si cerca sotto i vestiti ammucchiati, ci si telefona dal fisso (e naturalmente è in modalità silenziosa)… niente. Solo dopo aver rigirato mezza casa ci si accorge di averlo lasciato in bagno.
  6. Abbottonarsi la camicia male per lui e fissare la montagna di vestiti nell’armadio per lei. Alla Fabio Volo: Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia di conseguenza si sbaglieranno tutti gli altri. Gli altri però non saranno errori, ma solo la logica conseguenza del primo bottone sbagliato. Quindi niente panico, o forse si, perché in pratica commetteremo altri errori, giustificati. Le donne avranno i loro quarto d’ora del “non so cosa mettere”, e risolveranno il problema indossando il vestito di ieri.
  7. Dimenticare il cibo del gatto sul tavolo. Se siete amanti degli animali e non fareste mai entrare un cinese in casa vostra, cercate sempre di riempire la ciotola del vostro gattino o cagnolino prima di andare a lavoro. A meno che, non vogliate che Fuffy, di primo mattino, inizi lo sciopero della fame o una carriera da acrobata tra le piastrelle e il tavolo da pranzo.mattino in ufficio
  8. Uscire di casa e lasciare le chiavi nella serratura interiore. In questo caso non ci sono Santi, ma solo falegnami e agenti segreti OO7. Si cerca di aprire il portone con una forcina, sperare di aver dimenticato una finestra aperta o sognare il cane che apre la porta d’ingresso con la zampa.
  9. Partire in fretta e furia con il freno di stazionamento ancora inserito. Forse dote tutta femminile, ma immancabile quando si ha una personalità multitasking. Mentre si entra in auto, si posa la borsetta, si parla a telefono con il falegname e ci si aggiustano i capelli, l’auto fa i capricci. Il primo pensiero sarà quello di avere un cinghiale sotto la ruota, dopo qualche minuto e una preghierina, sul quadro ci si renderà conto della spia rossa ancora accesa.
  10. Riprendersi solo dopo due ore dal risveglio. Andare a lavoro e bere il primo caffè, perché quello americano a casa non ha svegliato nemmeno Omer Simpson. Ma non abbiate paura, se avete fatto almeno una di queste cose, siete normali, il mattino è tragico per tutti.

Tu cos’altro fai il mattino, mentre cerchi di affrontare una nuova giornata?

[ads2]

Palma Bottahttp://zon.it
Classe 1989, laureata in lettere moderne con una tesi sulla nuova comunicazione con l'#. Appassionata e curiosa. Convinta sostenitrice dei new media e delle donne, soprattutto della forza che quest'ultime regalano, in altre parole: femminista simpatica. Curatrice e amministratore del blog Tè in Metropolitana. Con molto entusiasmo entra a far parte della famiglia Zon dal settembre 2014.

Covid-19

Italia
114,271
Totale di casi attivi
Updated on 18 September 2021 - 16:57 16:57