Meyers Leonard
Fonte immagine: Profilo Twitter ufficiale NBA

Twitch fatale per Meyers Leonard: “I Miami Heat condannano con veemenza quanto accaduto”. La NBA vuole vederci chiaro e apre un’indagine sul giocatore

Meyers Leonard l’ha fatta grossa, non sul parquet ma sul suo canale Twitch. Il lungo in forza ai Miami Heat è sicuramente uno dei giocatori più attivi sulla popolare piattaforma di proprietà di Amazon, ma questa volta si è reso protagonista di uno scivolone che, visto il codice etico dell’NBA, gli costerà caro.

Potrebbe interessarti:

Durante una partita a Call of Duty, famoso videogioco di guerra di Activision, e davanti a migliaia di spettatori collegati, si è fatto scappare la parole “kike” che nello slang americano rappresenta un epiteto estremamente offensivo nei confronti degli ebrei.

L’episodio rimbalzato subito sui social, dove è diventato virale in pochissimo tempo, ha costretto Leonard alle scuse via InstagramSono profondamente dispiaciuto di aver usato un epiteto antisemita durante un livestream. Anche se non sapevo il significato di quella parola – continua – la mia ignoranza sulla sua storia e su quanto sia offensiva per la comunità ebrea non è assolutamente una scusa: ho sbagliato

Scuse che però non gli sono servite a molto. Alcuni dei suoi sponsor hanno tenuto a far sapere di aver immediatamente interrotto qualsiasi rapporto di collaborazione con il giocatore e la propria franchigia, i Miami Heat, lo hanno prontamente messo fuori rosa a tempo indefinito in attesa che l’investigazione da parte della NBA proceda e che porti all’inevitabile sazione disciplinare.

Non è la prima volta che accadono episodi del genere. I social network sono una cassa di risonanza pazzesca per gli sportivi ma alcune volte posso rappresentare una “gogna” dal quale non si può scappare

Letture Consigliate