8 Gennaio 2018 - 10:42

Romanzo famigliare, la nuova fiction Rai 1 con Vittoria Puccini

Champions League

Romanzo famigliare: la nuova fiction targata Rai 1 con Vittoria Puccini inizierà stasera in prima serata

L’attrice Vittoria Puccini ritorna sul piccolo schermo in Romanzo famigliare, la nuova fiction targata Rai 1 che inizierà stasera 8 gennaio in prima serata. Diretto da Francesca Archibugi, il cast comprende Guido Caprino, Giancarlo Giannini e Anna Galiena.

Una grande saga familiare: trama e personaggi

Romanzo famigliare si può definire un classico family drama con una struttura narrativa ad anello, poiché la famiglia è il punto focale da cui la trama prende inizio e trova fine.

La regista racconta le vicende dei Liegi, una famiglia di origine ebraica livornese molto influente sul territorio per quanto riguarda gli affari legati a cantieri navali e petrolio. Vittoria Puccini interpreta Emma, orfana di madre che si ritrova abbandonata a sé stessa dalla tenera età. Emma però ha un padre. Un padre padrone, Gian Pietro Liegi (interpretato da Giancarlo Giannini), con il quale non è mai riuscita ad instaurare un dialogo.

“Emma ha 33 anni e una figlia di 16”, racconta l’attrice riguardo il suo personaggio. “È una donna disorganizzata, una mamma buffa, simpatica e insicura al punto che spesso è la figlia, più saggia di lei, a farle da madre.”

Emma ha avuto sua figlia Micol quando era solo una ragazza. E la storia si ripete: Micol è incinta. “Anche Emma, infatti, rimase incinta alla stessa età. E rivivendo questa esperienza inizierà quel percorso di crescita che non le è riuscito finora”, rivela la Puccini.

“Per lavorare con una regista come Francesca Archibugi avrei fatto carte false”, dichiara Vittoria. “E interpretare Emma è stata una bella sfida: ha delle nevrosi esasperate e delle forti fragilità. Non che io non ne abbia, ma lei sembra sentirsi sempre a disagio, non all’altezza di superare le difficoltà della vita. Così ho lavorato molto sugli atteggiamenti: io sono di natura più calma e pacata, lei è insicura e si tocca continuamente il naso, si aggiusta i capelli, si gratta l’orecchio, non sta mai ferma.”

“In famiglia ruoli madre-figlia definiti”, dice riguardo la sua vita privata

“Emma e Micol si scambiano i vestiti e anche mia figlia comincia a “rubarmi” delle cose dall’armadio. Io, però, sono più risolta rispetto a Emma, per me è importante che i ruoli madre-figlia siano definiti. Poi ci sono i momenti in cui è tua figlia che ti insegna qualcosa, perché ti fa vedere la situazione da una prospettiva diversa alla quale non avevi pensato.”