stati uniti
da Pixabay

Negli Stati Uniti a tutti i passeggeri di compagnie aeree internazionali sarà richiesto un ulteriore requisito prima dell’imbarco per raggiungere il Paese

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stabilisce un nuovo obbligo per i voli internazionali: i passeggeri provenienti dall’estero dovranno esibire l’esito negativo al test COVID-19 per guadagnare l’ingresso negli Stati Uniti. I test prima e dopo rappresentano una delle strategie per rallentare l’introduzione e la diffusione di COVID-19 in attesa della conclusione della campagna vaccinale a cui si stanno sottoponendo i cittadini americani. Le varianti del virus SARS-CoV-2 continuano ad emergere in diverse parti del mondo ed è stato dimostrato che hanno una maggiore trasmissibilità.

Potrebbe interessarti:

I passeggeri aerei sono tenuti quindi a sottoporsi a un test per l’infezione corrente entro 3 giorni prima della partenza del volo per gli Stati Uniti e a fornire alla compagnia aerea la documentazione scritta del risultato del test di laboratorio (copia cartacea o elettronica). Le compagnie aeree devono confermare il risultato negativo del test per tutti i passeggeri con la documentazione richiesta prima di salire a bordo. Se un passeggero non fornisce la documentazione di un test negativo o di un recupero, o sceglie di non sostenere un test, gli sarà negato l’imbarco.

“I test non eliminano tutti i rischi”, afferma il direttore del CDC Robert R. Redfield, “ma se combinati con un periodo di permanenza a casa e le precauzioni quotidiane come indossare mascherine e distanziamento sociale, possono rendere il viaggio più sicuro, più sano e responsabile riducendo la diffusione sugli aerei, negli aeroporti e nelle destinazioni “.

Letture Consigliate