A Bruxelles una grande mostra su Pompei, la città immortale



pompei

Pompei e la sua meravigliosa storia arrivano al Palais de la Bourse di Bruxelles. La mostra “Pompeii. The Immortal City” nella capitale belga fino ad aprile

Arriva a Bruxelles una grande mostra dedicata a Pompei e alla sua grande storia. L’evento si terrà al Palais de la Bourse, tra i luoghi simbolo della città. “Pompeii. The Immortal City” mostrerà al pubblico tutta la grandezza della sua civiltà, giunta intatta fino a noi grazie alla famosa eruzione vulcanica del 79 d.C.

La mostra è prodotta da Tempora, in collaborazione con Civita Mostre su progetto scientifico di Giovanni Di Pasquale. Inoltre, è stata realizzata grazie ai prestiti del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, del Museo della Civiltà Romana e del Museo Storico Nazionale dell’Arte Sanitaria di Roma, del Parco Archeologico di Pompei e dell’Opera Laboratori Fiorentini. La mostra sarà in programma fino al 15 aprile 2018.

L’allestimento sarà composto da scenari 3D, spettacolari ricostruzioni di macchinari di 2000 anni fa e oltre 100 oggetti autentici provenienti dagli scavi archeologici. Il tutto è organizzato per mostrare la vita quotidiana e il grande progresso tecnico-scientifico raggiunto dalla città romana. I visitatori, infatti, potranno entrare in una città piena di vita e di attività. Si passerà dalla preparazione di un banchetto alla costruzione di un nuovo complesso termale, dall’agricoltura ai piatti tipici, fino ai misteriosi acquedotti romani.

Ci sarà, ovviamente, anche l’eruzione del Vesuvio, ricostruita attraverso attentissime proiezioni 3D. Il percorso giunge fino alla scoperta archeologica della città sepolta e permette di rivivere la scioccante esperienza della distruzione attraverso le voci degli abitanti di Pompei. Infine, una sezione della mostra è dedicata allo scrittore, naturalista e ammiraglio Plinio il Vecchio, che al momento dell’eruzione si trovava con la sua flotta al largo delle coste campane. Per osservare il fenomeno da vicino, Plinio raggiunse con le sue galee l’abitato di Stabiae, dove morì, forse soffocato dalle esalazioni vulcaniche.

 

Leggi anche